Surplus-OA

OAdOR - Open Archive di Ortopedia e Reumatologia >
Community >
A.O. Istituto Ortopedico Gaetano Pini >
Articles >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10279/179

Autori: Ventura, Alberto; A.O. Istituto Ortopedico Gaetano Pini - Milano.
Borgo, Enrico; A.O. Istituto Ortopedico Gaetano Pini - Milano.
Original title: Lesioni capsulo-legamentose di caviglia
Titolo: Ankle injuries
Abstract: Le lesioni capsulo-legamentose di caviglia rappresentano la patologia più frequente negli sportivi. Per Perlman sono responsabili dal 10 al 30% dei traumatismi sportivi nei giovani atleti. Gli sport di corsa e salto risultano frequentemente coinvolti: circa il 25% degli infortuni che avvengono in questi tipi di sport sono rappresentati da distorsioni di caviglia. Il meccanismo responsabile di tali traumi appare essere nell’85% dei casi un trauma in inversione. La caviglia del lato dominante viene interessata dal trauma distorsivo con una frequenza di 2.4 volte superiore rispetto al lato non-dominante; è stato evidenziato come il trauma distorsivo di caviglia sia seguito nel 59% dei casi da sintomi residui come dolore, gonfiore, rigidità e senso di instabilità. Le caratteristiche anatomiche della caviglia ci permettono di interpretare i risultati epidemiologici che indicano un coinvolgimento quasi totale del compartimento esterno (95%) rispetto a quello interno (5%). Il trattamento delle lesioni capsulo-legamentose di caviglia dipende da un corretto inquadramento clinico e questo inizia con la raccolta dei dati anamnestici. Negli ultimi tempi, alla luce dei risultati ottenuti, si sta diffondendo l’uso della ritensione capsulare termica che, attraverso lo shrinkage (letteralmente “restringimento”) della capsula antero-laterale, permette di ottenere una soddisfacente stabilizzazione nelle instabilità di grado lieve. Nel caso di instabilità maggiori, il trattamento consigliato è l’intervento di ritensione capsulare e di legamentoplastica esterna. Le lesioni conseguenti a instabilità articolare post-traumatica sono essenzialmente l’ipertrofia dei tessuti molli e quelle osteocartilaginee e colpiscono prevalentemente il compartimento anteriore. Possiamo distinguere tre quadri di patologia degenerativa della caviglia: 1) l'impingement fibroso 2) l'impingement osseo 3) l'artrosi di caviglia. In tal senso il trattamento artroscopico offre al paziente che presenta problemi articolari a livello della caviglia un rapido miglioramento della sintomatologia, con un veloce recupero della funzionalità, rimandando a un secondo tempo procedure chirurgiche più invasive
English abstract: Ankle ligament injuries represent the most common pathology in sportsmen. According to Perlman’s data, they range from 10 to 30% as causes of sport injuries in young athletes. Athletic and jumping sports are frequently involved as causes: almost 25% of the injuries which take place in such sports are caused by ankle sprain. The mechanism which accounts for such injuries in 85% of cases, seem to be an injury in inversion. The ankle of the most predominantly used leg undergoes a ligament injury at a higher frequency of 2.4 times as compared to the less dominant one; it has been verified as to how 59% of ankle ligament injury cases are followed up by such residual symptoms as pain, swelling, rigidity and a sense of instability The anatomic characteristics of the ankle enable us to interpret the epidemiological results which show an almost total involvement of the external section (95%) with respect to the internal one (5%) The treatment of the capsular ankle ligament lesions as usual, depends on a correct clinical organization starts with the anamnesis data collection The choice of the most appropriate treatment regarding an ankle capsular ligament injury is inevitably conditioned by the correct approach to tackle with it either as a recent injury or a chronic instability. In recent times, a close look at the achieved results shows how the use of the thermal capsular retention is getting diffused in addition to making it possible to obtain a satisfactory stabilization within the light grade instability through the shrinkage of the ante-lateral capsule In case of major instability, the advisable treatment is the operation of capsular retention and external ligament-plastic. Lesions resulting from post-traumatic articular instability predominantly affect the anterior compartment and are mainly to be considered as the hypertrophy of both soft and cartilaginous tissues We can consider three aspects of degenerating pathology of the ankle: 1) fibrous (soft tissue) impingement 2) bone impingement 3) ankle arthrosis The arthroscopic treatment offers to the patient who has articular ankle problems a rapid symptomatological improvement with a fast recovery of the functionality, thereby postponing or shifting the more invasive surgical procedure into time ahead.
Data: 2008
InArticles
Articles

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
Caviglia.pdfOriginal work - Italian language151,3 kBAdobe PDFVisualizza/apri

Questo documento è distribuito in accordo con Licenza Creative Commons
Creative Commons


Tutti i documenti archiviati in OAdOR sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.




 

  ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace SoftwareFeedback CINECA